Contatti

Orari d'apertura: tutti i giorni 

Il centro è affiliato con Sef-Italia

Passeggiate a cavallo

Il nostro centro offre ai nostri soci la possibilità (over 14 *vedi in fondo) di effettuare escursioni guidate a cavallo alla scoperta del meraviglioso Appennino Tosco-Emiliano, le passeggiate saranno effettuate prevalentemente al passo nel rispetto dei cavalli e per parteciparvi occorre avere una discreta capacità a cavallo, in caso contrario saremmo lieti di insegnarvi in campo scuola i rudimenti necessari per poter parteciparvi. La durata di un trekking ha durata variabile da 1 ora a più giorni (previa prenotazione). 

Tipologia di Passeggiate a cavallo

* Via Vandelli: alla scoperta dell' antichissima via fortemente voluta dal Duca Francesco III d'Este che collegava originamente le città di Modena e Massa

* Monte rovinoso / Lago Cavo: Il Monte Rovinoso ha una forma schiacciata in cima, interamente ricoperto da una fitta macchia d'alberi. Sotto la cima, sul versante sud-est della montagna, si trova il Lago Cavo (1344 m s.l.m.), bacino lacustre classificato dal C.A.I. come "emergenza naturalistica"

* Sasso Tignoso: Il monte Sasso Tignoso alto 1492 m s.l.m. è costituito da un gigantesco massiccio di serpentino d'effusione vulcanica, primo per dimensioni in tutto il modenese. Sporge dal territorio circostante in modo molto simile alle dolomiti. 

 

* Polle: Le Polle sono situate sul versante nord-occidentale del Monte Cimone, a 1280 m. di altezza è presente un lago ed è la sede della stazione a valle di alcuni impianti di risalita che la collegano al Comprensorio sciistico del Monte Cimone. 

* Capanne celtiche: Visita alle numerose capanne celtiche presenti nel nostro territorio uniche in Italia di questo tipo. Le capanne venivano costruite isolate,lontano dal fondovalle, caratterizzate da curiosi tetti costruiti con gradoni di pietra. 

 

*over 14

SOTTO I 14 ANNI NON SI POSSONO EFFETTUARE “USCITE” A CAVALLO.
Nemmeno per un metro fuori dal terreno dedicato all’attività sportiva!
A vietarlo è il Codice della Strada, all’art. 114.
In sostanza: finché si è all’interno della proprietà privata adibita all’allenamento, non ci sono problemi perché questo rientra nell’ambito dell’insegnamento di un’attività sportiva. Non appena si esce dalla proprietà privata (anche solo per andare su proprietà private confinanti, non necessariamente su pubbliche aree!). Attenzione a chi vi propone “fantastiche” passeggiate e non si interessa della vostra età, magari facendovi anche solo attraversare stradine di campagna.
Cosa succede se lo si fa lo stesso?
Beh, se si è da soli si incorre in una salata contravvenzione e il genitore potrà essere indagato per abbandono di minore e incauto affidamento.
Se invece si è accompagnati da un maggiorenne, la contravvenzione sarà doppia, e ci sarà sempre l’incauto affidamento!!!
Questo vale anche per gli istruttori, le guide equestri, i tecnici… Diffidate, dunque, della professionalità e della serietà di costoro.
Per fare un paragone che rende l’idea: è come guidare l’auto da minorenni senza aver conseguito la patente! E per lo pseudo-istruttore sarà come dare un’auto in mano a un minorenne dicendogli “guida che sei bravo!”

CONTROLLATE LE ASSICURAZIONI…
Purtroppo questo è un terreno sul quale molti pseudo-accompagnatori fanno orecchie da mercante.
La legge (art. 51 legge n. 289/2002) prevede l’obbligo assicurativo contro gli infortuni degli sportivi dilettanti tesserati in qualità di atleti, dirigenti e tecnici alle Federazioni sportive nazionali, alle Discipline sportive associate e agli Enti di promozione sportiva. In sostanza TUTTI coloro che gravitano intorno allo sport (sono esclusi solamente i professionisti)!!!
A spiegare meglio la legge, è intervenuto anche un decreto interministeriale del 17-12-2004, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 28-4-2005. Tale decreto chiarisce che il tesseramento deve essere stato fatto in data certa antecedente all infortunio mediante le modalita previste da ciascuna delle organizzazioni sportive di appartenenza: come fanno, quindi, in certi posti a metterti sul cavallo subito?!?!?! Semplice: se ne infischiano della legge. E anche qui, potremmo aprire un dibattito sulla serietà professionale di certa gente…

LA RESPONSABILITA’ CIVILE DELL’ISTRUTTORE
Fin qui si parla d’infortuni, la cui colpa molto spesso è di nessuno: l’equitazione è considerata sport pericoloso e, di conseguenza, una caduta da cavallo con frattura rientra in quei “rischi” che uno conosce sin da subito.
Ma se per caso mi faccio male perché l’istruttore non è stato capace di valutare la mia preparazione (e come fa, se non ti vede nemmeno montare in maneggio?!?)? O se cado perché mi ha portato su un percorso troppo difficile? Insomma, se è chiaramente colpa sua e non del cavallo o mia??? Intanto sarà onesto e lo riconoscerà, ma se è anche serio avrà stipulato una polizza di responsabilità civile verso terzi, che serve appunto per garantire gli allievi in questo caso.
ATTENZIONE: se l’associazione che vi propone l’attività sportiva non è regolarmente affiliata a un ente di promozione sportiva (come Uisp, Csi, ecc) o (PEGGIO!) se l’istruttore non ha rinnovato il proprio brevetto per l’anno in corso, TUTTE QUESTE BELLE POLIZZE NON SONO VALIDE, anche se regolarmente stipulate!
Domandiamo queste cose: è per la sicurezza!!!

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Copyright 2017 Associazione Sportiva Dilettantistica Club Ippico Il Groppo. All Rights Reserved. | Via Roncombrellaro, 5 - 41020 Riolunato (MO) Tel: 3771818217 - Email: ilgroppo@tiscali.it - Fb "Maneggio il groppo" - Instagram maneggioilgroppo.official - Partita Iva 94169050369 - Codice Fiscale 94169050369